La vedova allegra. L’Irpinia e il suo teatro
21
apr

La vedova allegra
L’Irpinia e il suo teatro

48 pagine, 6 illustrazioni in nero, 8 a colori;
spillato, formato 15,5 × 15,5 cm,
2003
ISBN 978-88-86218-53-5
[Euro 5,00]

Acquista

Dedicato all’operetta di Franz Lehár, il secondo libretto de “L’Irpinia e il suo teatro” si apre con una breve introduzione descrittiva del comune di Montemiletto firmata dal suo primo cittadino; ad essa fanno seguito delle belle immagini della cittadina ripresa nei suoi dettagli più significativi.
Il volumetto continua con un’accurata ricostruzione della storia del termine “operetta”, con il quale si vuole oggi designare un genere di teatro in musica in cui si realizza una commistione tra la commedia, basata su trame semplici e facilmente comprensibili, e l’opera lirica.
Si prosegue poi con l’illustrazione de La vedova allegra che si distingue soprattutto per il ricorso continuo al ballo, che diviene il principale vettore di messaggi e significati reconditi.
La pubblicazione si chiude, infine, con una breve biografia dell’autore e con l’argomentazione dei tre atti: in essi si racconta la storia della bella e ricca vedova Hanna che, divenuta una ricca ereditiera, potrebbe garantire la salvezza dalla bancarotta del piccolo stato di Pontevedro grazie alla sua unione con il conte Danilo Danilowitsch, segretario d’ambasciata.
Fa seguito il libretto dell’opera.